Bisogna tener conto del lascito ereditario intervenuto dopo il divorzio

Sabato 08 Febbraio 2014 08:36
Stampa

La successione dopo la cessazione della convivenza ben può essere considerata per valutare la capacità economica degli ex coniugi. Non conta che metà del lascito sia stata ormai spesa. L'eredità paterna ottenuta dall'ex coniuge fa scattare la revoca dell'assegno divorzile anche se i beni sono acquisiti in successione dopo la cessazione degli effetti civili del matrimonio in quanto  il lascito in favore del beneficiario del trattamento incide sulla capacità economica e nel raffronto con quelle dell'ex coniuge onerato (Cass. ord. n. 2542 del 5.02.2014).